“Trentadue anni fa…ieri” | U2.com

Nell’immagine di testata: gli U2 si esibiscono a Denver [6 Giugno 2015] | Photo By: Theron LaBounty | VIA: U2Start.com

Primo dei due show a Denver, Colorado, con l’iNNOCENCE + eXPERIENCE  Tour che si lascia alle spalle la costa occidentale dirigendosi nel cuore dell’America.

E’ stato un giorno di 32 anni fa, ed anche se c’erano parecchi tuoni e fulmini in questa parte del mondo, la band era qui per un altro spettacolo. Quella fu la sera in cui suonarono al Red Rocks e registrarono Under A Blood Red Sky, il loro album dal vivo del 1983. C’è uno snippet alla fine di The Electric Co. di un brano di John Denver – Rocky Mountain High – e Bono ha ancora in mente il ricordo [della serata] durante Sunday Bloody Sunday: “Trentadue anni fa..ieri”.

C’è più passato che presente stanotte. Adam ha indossato delle classiche magliette punk-rock per gli spettacoli di apertura [del tour], ma quella di stasera è diversa: porta [suscritta] la data “28 marzo 1981”. Alla fine della serata il mistero è risolto, si scopre che indica “la prima volta che siamo venuti qui, semplici ragazzi“.

Questo è il simbolo della resa” dice Bono, tenendo entrambe le braccia in alto durante I Will Follow. “Il simbolo della serata. Da noi a voi. E ‘strano come non è possibile arrendersi quando si ha un telefono in mano…

Qualcuno ha preso qualche [pagina delle] letture di stasera da portare a casa? @timneufeld, su twitter, ha notato che “Il Maestro e la Margherita” di Mikhail Bulgakow è stato uno dei libri lanciati dal palco durante Raised by Wolves. Si parla molto di questi libri. Diteci, nei commenti qui sotto se avete preso altri libri e il loro titolo.

Pride (In The Name Of Love) – giungendo dopo The Hands That Built America e facendoci uscire da Bullet the Blue Sky – si sta rivelando uno dei momenti più  spettacolari dello show. Stasera, ringraziando le persone che hanno portato la pace in Irlanda (“Nessuno ha vinto, è per questo che tutti hanno vinto…“) c’è stata una menzione speciale per il supporto dell’America al processo di pace e un ringraziamento pubblico a Gary Hart – un tempo Senatore e ora inviato speciale degli Stati Uniti per l’Irlanda del Nord – che ha assistito al concerto.

@LyaWodraska & @WTSHNN, su Twitter, hanno notato un nuovo elemento di scena durante Bullet the blue sky “Il megafono è verniciato come una bandiera americana”. Dà la sensazione che il nuovo elemento di scena potrebbe essere un sorvegliante.

Fonte: U2.com | Traduzione: Angelo @NOODLES105 | Revisione: Gabriel @GABRIELCILLEPI
Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...