L’occasione della vita: studente di Montreal si esibisce sul palco con gli U2

Nell’immagine di testata: gli U2 con Ryan Luxemberg durante “Desire” [16 Giugno 2015]

MONTREAL – E’ stato un sogno divenuto realtà per il giovane 23enne Ryan Luxemberg quando ha avuto l’occasione – unica nella vita – di cantare una canzone insieme alla rock-band irlandese U2 durante un concerto al Bell Center questo Martedì.

Egli non è molto rocker nella vita di tutti i giorni – Luxemberg è al secondo anno del corso di odontoiatria presso l’Università di Montreal. Ciò nonostante, si è autoproclamato amante della musica e appassionato di canto. Adesso, lui è l’unico cittadino di Montreal, forse, che può dire di aver suonato rock con gli U2 mentre 22.000 fans lo acclamavano.

Luxemberg si trovava lì “più o meno da solo”, ha detto. Inizialmente aveva invitato il padre e i suoi tre fratelli ad andare con lui.

Mio padre ha detto ‘Non vorrei che per qualche ragione andassi sul palco e io me lo perdessi,‘” ride. “E così ha fatto.

Tutto è cominciato quando Bono lo ha visto tra la folla agitando un cartello con su scritto: “Ho 23 anni: posso suonare?” Bono lo ha fatto salire accettando la sfida, ha preso la chitarra di Edge e l’ha data a Luxemberg per vedere se sapesse suonare Desire.

Edge non è sicuro“, gli ha detto Bono. “Penso che dovresti mostrargli [come si suona].

Il resto, come si dice, è stato epico. Dopo aver cantato la prima metà della canzone insieme, Bono ha dato a Luxemberg il microfono.

Ho pensato a questo [avvenimento] un milione di volte nella mia testa” – e la band lo ha amato. “Hai una sola possibilità di creare davvero un momento speciale, di lasciare un impatto come quello al Bell Center. Credo che questo la band lo abbia percepito.

Fonte: globalnews.ca | Traduzione: Gabriel @gabrielcillepi
Annunci

2 pensieri riguardo “L’occasione della vita: studente di Montreal si esibisce sul palco con gli U2

    1. Sono d’accordo con te, nella maggior parte dei casi mettersi in mostra giova tanto e fa godere di situazioni piacevoli. Credo sia anche questione di carattere: io ad esempio, pur suonando la chitarra, non avrei mai fatto una cosa del genere :D. Però, allo stesso tempo, sono un fiero sostenitore dei caratteri “nascosti”, ci sono molti mondi da scoprire in una persona introversa e molto spesso – parlando di U2 – la band ha sempre protetto le persone introverse, essendo stati anche loro persone molto timide e riservate.

      Nulla toglie al fatto che il ragazzo in questione avrà una grande storia da raccontare e un ricordo che lo accompagnerà per tutta la vita.

      Liked by 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...