About me

Mi chiamo Gabriel, vivo a Lentini (un paese in provincia di Siracusa) e sono studente nella facoltà di Scienze Politiche dell’Università di Catania.
La mia passione per gli U2 nasce casualmente nell’Agosto 2002 quando, curiosando tra i dischi di mio padre, trovo i vinili di “The Joshua Tree” e di “The Unforgettable Fire”. Amore a prima vista.

Da allora gli U2 mi hanno accompagnato per quasi dodici anni in tutte le fasi della mia vita portandomi anche alla scoperta di altre passioni a loro correlate: iniziai a suonare la chitarra con l’ascolto proprio di “The Joshua Tree”, mi appassionai di fotografia rimanendo folgorato dalla potenza delle foto di Anton Corbijn, approfondii le poesie di Bukowski, lessi James Joyce, mi informai sulla questione irlandese e sull’IRA, vidi e mi innamorai dei film di Wim Wenders. Ascoltai tutti quei gruppi che ruotavano e ruotano attorno agli U2: dai Joy Division ai Virgin Prunes, dai The Television ai Radiators passando per i Simple Minds, Sinead O’Connor, Gavin Friday, Johnny Cash e moltissimi altri.

Possiamo dire infine che il mio incontro con gli U2, avvenuto in un periodo difficile della mia vita ed in piena adolescenza, mi ha plasmato portandomi all’uomo che sono oggi con i miei modi di pensare, di agire, di fare.

Per chi volesse contattarmi lascio qui dei link utili:

facebook

  plusyoutube_logo_detail

Annunci

9 pensieri riguardo “About me

  1. Ciao! Come ti capisco… ascolto gli U2 da quando andavo alle elementari, erano gli anni ’80.
    Amo i due album che hai citato, insieme a Achtung Baby. Ascoltavo sempre anche i Simple Minds e, soprattutto, Sinead O’Connor… Bravo! 🙂

    Mi piace

    1. Ciao a te! Invidio sempre le persone che dicono di conoscere gli U2 dagli anni ’80, penso sempre a com’era vivere l’epoca di The Joshua Tree in prima persona…ma va beh, ho cercato di recuperare come meglio potevo! Piacciono molto anche a me i Simple Minds, ho preso il loro ultimo cd pochi mesi fa, l’ho trovato molto old-school: molte canzoni mi hanno riportato al sound anni ’80, molto Depeche Mode (altra band che adoro). Ho letto qualche articolo del tuo blog ed è molto interessante, appena ho del tempo lo spulcio per bene. A presto!

      Mi piace

  2. Ti ringrazio! Anche a me piace il tuo blog e ti seguo volentieri. Sì, effettivamente mi sento molto fortunata ad essere stata giovane negli anni ’80, ma penso che ognuno, crescendo, rimpianga l’epoca in cui è stato giovane e ritenga quella attuale meno emozionante. Mi fa piacere che apprezzi questa musica, io non potrei farne a meno. Alla prossima! Ciao!

    Liked by 1 persona

    1. Ciao Romolo, scusa per il ritardo della risposta. Purtroppo, come hai detto tu, posso solo immaginare il periodo dell’uscita di “The Joshua Tree” e la sensazione d’acquistare, d’avere, e di ascoltare quell’album nel 1987. Ma, per fortuna, gli U2 riescono a conquistare tutt’ora con le emozioni che emanano le canzoni dell’epoca. Curioso sapere che anche io scoprì gli U2 al liceo, come molti, e che da allora non ci hanno mai abbandonato. Ciao, a presto!

      Liked by 1 persona

    2. anche io facevo la maturità… credo che mi innamori degli U2 quando una mia compagna di scuola mi fece ascoltare October e Gloria: anche io fuoi folgorato. Da allora li seguo…. a mio avviso mi sembrano aver perso della “forza”: anche se brani come Iris o Every Breaking Wave sembrano farli tornare ad antichi splendori e colpire al cuore (e poi alla mente) delle persone…

      Liked by 1 persona

      1. Si, indubbiamente non hanno più raggiunto quelle vette altissime di fine anni ’80/inizio ’90…però, come hai detto tu, con l’ultimo album sembrano aver recuperato quella capacità di saper colpire immediatamente gli ascoltatori. Un ottimo segnale per il prossimo “Songs Of Experience”.

        Grazie per aver condiviso con me/noi il tuo pensiero!

        Mi piace

  3. Ciao! Grazie per il like sull’articolo sul mio blog in cui parlavo appunto di “October” con cui io ho scoperto gli U2! Sono sempre felice quando trovo persone che li amano, così come gli altri gruppi da te citati, in particolare i Joy Division!

    Liked by 1 persona

    1. Ciao, grazie a te per il commento e per seguire il mio blog! Anche per me è sempre bello trovare altri fans degli U2. Ho apprezzato molto il tuo articolo, lo trovo molto poetico e riflessivo; l’ho letto ieri notte, e proprio il silenzio mi ha aiutato per calarmi nella calma di “October”. Complimenti per la tua scrittura e il tuo blog!

      Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...